Borobudur: dalla sparizione al ritrovamento del tempio buddhista più grande al mondo

borobudur

Borobudur: dalla sparizione al ritrovamento del tempio buddhista più grande al mondo

Quando si parla di Indonesia, la prima cosa che subito salta in mente è il mare cristallino di Bali, ma in realtà questa terra offre molto di più oltre alle sue spiagge paradisiache.

Merita di essere menzionato il favoloso tempio di Borobudur, il monumento buddhista più grande del mondo che si trova sull’Isola di Giava.

 

La storia di Borobudur

La costruzione di questo immenso tempio (2.500 metri quadrati) risale all’ 800 d.c. quando regnava la dinastia Sailendra. L’intento era quello di creare un luogo che unisse culture differenti, soprattutto induista e buddhista.

A tal proposito l’architetto che seguì il progetto fu affiancato da monaci buddhisti provenienti da tutto il mondo in modo da attribuire al tempio influenze indiane, persiane, e babilonesi.

I lavori durarono 75 anni e ci vollero fino a 10.000 operai per portare a termine l’opera.

Il tempio diventato leggenda

A causa delle guerre e delle continue minacce del vulcano vicino, Borobudur fu abbandonato nel IX secolo, poco dopo essere stato eretto.

Col tempo, a seguito di terremoti, uragani e le eruzioni Merapi, finì per venire sommerso dai detriti e dalla vegetazione e di conseguenza….dimenticato!

Il risultato fu che tra le generazioni successive, cominciò a dilagare l’idea che la storia di Borobudur fosse semplicemente una leggenda e che il tempio, in realtà, non fosse mai esistito.

 

La rinascita

Nel corso del XIX secolo, con la conquista di Giava da parte degli inglese, Sir Raffles, da sempre affascinato dalla storia locale e convinto fermamente sull’esistenza del sito, incaricò l’esploratore Cornelis di ritrovare Borobudur e di iniziare i lavori di ripristino.

Dopo diversi mesi e circa 200 uomini , il tempio venne alla luce in tutto il suo splendore  e nel 1907 iniziò il programma di restauro che gli garantì nuova vita.

 

Patrimonio dell’umanità

Grazie alla continua manutenzione e all’intervento dell’UNESCO del 1970 che finanziò un enorme restauro con l’appoggio di ben 27 paesi, oggi Borobudur è inserito nella lista dei siti patrimoni dell’umanità dal 1991.

 

Scopri molti altri luoghi incredibili da non perdere durante il nostro viaggio in Indonesia.

Vivi la terra delle isole vulcaniche. Viaggia in Indonesia

*****

Segui la pagina CLUB DEI LIBERI VIAGGIATORI

e continua a seguire il nostro BLOG

Condividi la tua passione di viaggiare

Leave a Reply

Allowed Tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>